Una “vaga” incazzatura

 

In questi giorni è successa talmente tanta merda che l’incazzatura mi ha paralizzato dal fare qualunque cosa…

Ieri come ormai dovreste sapere se siete di Milano c’è stato un incidente in via bligny tra il tram 9 e il 29/30 che si sono scontrati (penso frontalmente) facendo un buon numero di feriti; tralasciando che prendo spesso quella linea che passa da via bligny per andare in università e che quindi sento l’accaduto “vicino”, volevo porre l’attenzione su 2 cose fondamentali:

1) è il 3 incidente ( si IL TERZO, l’antico proverbio “Non c’è 2 senza 3” sembra aver avuto ragione anche questa volta) in quel preciso tratto (l’ultimo a giugno con 20 feriti): mi chiedo che cazzo deve succedere perchè si capisca che c’è un problema sicurezza? Ve lo dico io: ci deve scappare il morto, chi si propone?

2) Odio quei fottuti treni verdi chiamati JUMBO: sono + larghi e non possono andare in alcune zone, sono costati un macello di soldi (adesso purtroppo non riesco a trovare i dati), hanno dei problemi di ricambi (se si rompe un pezzo tocca cambiare metà treno) e sono pieni di difetti di progettazione, tra cui:

– Disposizione completamente senza senso dei posti a sedere: in alcune parti non si riesce a camminare perchè i passeggeri sono messi uno di fronte all’altro e il corridoio centrale è stato disegnato PROBABILMENTE pensando che ci salissero esclusivamente PASSEGGERI SENZA GAMBE se no non si spiegherebbe perchè è così stretto ( e ricordo che questi TRAM SONO + LARGHI DI QUELLI ARANCIONI —> + LARGHI = MENO SPAZIO cazzo!!!! CAZZOOO!!!) nelle altri parti ci sono 9-10 (non ricordo esattamente) posti a sedere in un intero tratto di tram.

– Questi fottuti JUMBO sono progettati in modo che non solo si rischia di cadere perchè il tram accelera e frena (nulla di nuovo succede anche sui tram arancioni e non è che si possa fare molto) ma anche perchè il treno scarta a sinistra e a destra per un difetto di progettazione (cosa che non succede sui tram arancioni); fateci caso e bestemmierete in turco anche voi come me.

-Quando piove si crea UN PANTANO perchè il pavimento non è in plastica multilivello come quello dei tram arancioni in cui l’acqua entra nelle fessure e la superficie dove si cammina rimane ASCIUTTA (siamo nel 21 esimo secolo e facciamo ancora queste cazzate che gli EGIZI AVEVANO RISOLTO) e questo ci porta all’ultimo problema:

-I TRENI PUZZANO DI MUFFA!!!

Approfitto per mandare un sonoro VAFFANCULO SPERO CHE TI PRENDA UN COLPO a chi ha deliberato la produzione e utilizzo di questi costosissimi tram progettati DA UNA SCIMMIA URLATRICE LOBOTOMIZZATA  (se era una scimmia urlatrice base veniva fuori un tram perfetto) ma io lo so che questi stronzetti eletti da noi (perchè non ci sono alternative plausibili e a volte a scegliere tra merda e diarrea si finisce per avere una crisi mistica) sono intelligenti e sanno benissimo come andrebbero fatte le cose (anche perchè non si spiegherebbe sennò come siano così bravi a difendersi quando vengono colti con le mani nel sacco) ma proprio perchè sanno come si fanno le FANNO DI MERDA e scelgono la soluzione di merda + COSTOSA, se no, come cazzo fai a rubarci sopra e rinpinguarti lo stomaco di tangenti?

 

INCAZZATURA 2: Dopo le minacce di morte a Saviano e la successiva assegnazione della scorta un pentito ha parlato di un piano ben preciso per assassinare Saviano entro natale con un’operazione “in grande stile” come fu fatto per Falcone e Borsellino.

 

Vorrei ricordare a tutti di cosa disse Emilio Fede (umile servitore di Sire) riguardo alla faccenda di Saviano e della sua scorta: http://theworldofkaji.myblog.it/archive/2008/09/14/emilio-fede1.html posso riconfermare le mie parole di STIMA per EMLIO FEDE: fede sei la vergogna d’italia e del giornalismo italiano.

Vorrei che notaste come finisce il suo discorso Saviano “penso che il mio lavoro abbia smosso molte coscienze, ma ora mi chiedo se ne è veramente valsa la pena”. E’ normale che di fronte ad un popolo BUE come è quello italiano ci si faccia queste domande: mi sono battuto e ho messo a rischio la mia vita per chi e per che cosa? Per questa massa di dementi? La stessa massa di lobotomizzati che accoglie con il 49% delle preferenze la riforma della scuola: 8 miliardi di euro di tagli (ca. 16.000 miliardi di lire) in cambio del libro unico alle elementari: CAZZO CHE DEAL.
Gli stessi dementi che hanno già dimenticato Falcone e Borsellino, che hanno dimenticato Tangentopoli e adesso votano gli stessi farabutti che prima volevano alla forca perchè hanno la memoria di un soprammobile e la coerenza e l’onesta di UN ITALIANO.

Ultimo rant della giornata: CARNEVALE CARNEVALEEE non ho parole da esprimere: leggetevi l’intervento di travaglio QUI siamo l’unico paese simil civile al mondo dove un VERME che ha fatto la sua carriera stralciando condanne a mafiosi non sia in galera: non solo adesso c’è pure un “piano” per farlo diventare presidente della corte costituzionale.

ANDIAMO AVANTI COSì.

UPDATE: mi è stata passata da un amico questa mail mandata dall’università degli studi di milano a tutti gli studenti

 

Appello alla mobilitazione per la difesa dell’università pubblica 
 

Il luogo dove studiamo e lavoriamo tra due anni potrebbe non esistere più.

Il rettore ha comunicato che a causa dei tagli introdotti dalla legge 133, a partire dal 2010 sarà difficilissimo chiudere il bilancio. 

Il che significa: 

1) Non riuscire a pagare i docenti e il personale tecnico e amministrativo. 

2) Non avere i fondi per il finanziamento della didattica e della ricerca. 

3) La dequalificazione dei titoli di studio. 

4) Aumento delle tasse universitarie e tagli al personale, blocco delle assunzioni con conseguente “fuga dei cervelli” e sperpero delle risorse investite nella formazione. 

Questi sono solo alcuni tra i più gravi punti a conseguenza della legge,ma 

L’INTERO SISTEMA DELL’ISTRUZIONE PUBBLICA E’ SOTTO ATTACCO! 

A seguito di un’assemblea svoltasi in questo Ateneo il 07 Ottobre 2008, a cui hanno partecipato rappresentanti di tutte le componenti dell’Università,è stato deciso di convocare per il 21 Ottobre 2008 alle 09.30 in Aula Magna (via Festa del Perdono) gli Stati Generali d’Ateneo, per informare e discutere,seguendo un percorso di mobilitazione già iniziata in altre università, per elaborare un’opposizione a questo programma irresponsabile. 

E’ fondamentale che partecipino tutti, interrompendo per un giorno le attività dell’Ateneo.

 

 

La partecipazione è estesa all’intera cittadinanza in quanto la scuola non riguarda solo chi la frequenta e i professori…

 

Una “vaga” incazzaturaultima modifica: 2008-10-14T15:14:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Una “vaga” incazzatura

Lascia un commento